Il caso ‘Call me maybe’ e i biscotti


Vi risparmierò l’ennesimo (e in questo caso tardivo) post riguardo il repentino ed esplosivo successo del video musicale ‘Call me maybe’ della canadese Carly Rae Jepsen (ormai imposto come tormentone anche in Italia) ..consiglio e rimando alla lettura del post di Hana Kawa per Ninja Marketing dove si racconta come si e’ creato tutto questo clamore.

Ho trovato decisamente  interessante il fatto che anche in questo caso, in seguito al proliferare di numerosi video ‘spoof’  nati inizialmente ed essenzialmente soprattutto come gioco (eccone una lista, tra i piu’ famosi quelli di diverse squadre olimpioniche), si siano pero’ susseguiti altri video con scopi decisamente piu’ commerciali..

E’ il caso su tutti di Abercrombie & Fitch e la cover fatta dai suoi famosi modelli a dorso nudo che ballano sulla musica sparsi nelle diverse sedi mondiali (forse idea un po’ banale ma di deciso impatto, visto le visualizzazioni)

Ma a mio parere (e pare anche del Daily Beast), il primo premio va in assoluto a Sesame Street (storico programma televisivo per bambini ora molto forte anche sul web)  e la sua versione ‘rimaneggiata’ cantata da Monster Cookie (che esalta la sua voglia di biscotti chiedendo a tutti di condividerli con lui: “you’ve got cookie.. so share it maybe!”)

Un bell’esempio di come si puo’ sfruttare un trend in crescita in rete e sfruttarlo per pubblicizzare un marchio, prodotto, programma televisivo.. o, perche’ no, proprio una marca di biscotti al cioccolato!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...